Fondo nazionale per il sostegno all'accesso delle abitazioni in locazione

contributo canini locazione

Ai sensi dell'art. 11 della Legge n.431/98 che ha istituito il fondo nazionale per il sostegno alle abitazioni in locazione, la Regione Abruzzo assegna ai Comuni della Regione, le somme stanziate al fine di favorire il pagamento dei canoni di locazione dovuti ai proprietari di immobili.

A tal fine è necessario che, i conduttori di contratti di locazione per uso abitativo per poter beneficiare dei contributi integrativi, siano in possesso dei requisiti minimi stabiliti dall’art.2 del D.M. 7.6.1999, e di seguito specificati:

1) cittadinanza italiana;

2) cittadinanza in uno Stato appartenente all’Unione Europea (D.Lgs 06/02/2007 n.30);

3) cittadino di uno Stato non Ue con permesso di soggiorno valido;

4) residenza nel Comune di Tufillo e nell’alloggio locato per il quale si chiede il contributo;

5) essere titolare di un contratto di locazione, regolarmente registrato che non rientri nelle categorie catastali A1, A8, A9;

6) limiti di reddito:

FASCIA A: reddito annuo imponibile complessivo del nucleo familiare (ISE), rapportato ai mesi di pagamento del canone, non superiore a due pensioni minime INPS anno 2020 (€ 13.391,80) rispetto al quale l'incidenza del canone sul reddito non sia inferiore al 14% e non può essere superiore a € 3100,00;

FASCIA B: reddito annuo convenzionale complessivo (ISEE) non superiore a € 15.853,63. Ai fini dell’incidenza canone/reddito deve farsi riferimento all’ISE che non deve essere superiore ad € 18000,00 e rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 24% e non può essere superiore a € 2325,00.

L'ammontare dei redditi da assumere come riferimento è quello risultante dall'ultima dichiarazione dei redditi,  vale a dire anno d’imposta 2020, dichiarazione 2021.

Il valore dei canoni è quello risultante dai contratti di locazione regolarmente registrati, al netto degli oneri accessori.

Se in presenza di un solo reddito derivante da lavoro dipendente o pensione oppure nei casi previsti dal comma 4 dell’art. 2 del D.M. 07/06/1999 l’ISEE viene ridotto automaticamente dal foglio di calcolo del 25% e comunque non superiore a € 15583,63. Le due condizioni non sono cumulabili.

“Per i nuclei familiari che includono ultrasessantacinquenni, disabili o situazioni di particolare debolezza sociale, il contributo da assegnare può essere incrementato fino ad un massimo del 25%” (art. 2 D.M. 7.6.1999).

I contributi concessi non sono cumulabili con la quota destinata all’affitto del reddito di cittadinanza. In caso di erogazione del contributo, il Comune comunicherà all’INPS l’elenco dei beneficiari ai fini della compensazione della quota dell’affitto.

Sono esclusi dai contributi i soggetti usufruenti di alloggi di edilizia residenziale pubblica e chi possiede un patrimonio mobiliare superiore a € 25.000,00 come risulta dall’attestazione ISEE.

I predetti requisiti dovranno essere riferiti a tutti gli utilizzatori dell’alloggio.

Le domande devono essere redatte sugli appositi moduli predisposti dal Comune e scaricabili dal sito del Comune di Tufillo www.comune.tufillo.ch.it

Le domande di partecipazione dovranno pervenire all’ufficio protocollo del Comune di Tufillo a mano o tramite PEC comune.tufillo@pec.it entro il 14/12/2021.

Ai sensi del D.P.R. del 28/12/2000 n.445, l’Amministrazione Comunale procederà ad idonei controlli, a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese.